Sono scomparsi due nostri soci. Febbraio 2012

 

 

(A cura di Giovanni Duni)

DUE SOCI DEL CLUB CI HANNO LASCIATO

La scomparsa di Romano Faiferri

Il 15 febbraio 2012 ci ha lasciato Romano Faiferri. Lucio Tocco lo ha ricordato inviando a tutti una bella e-mail.

La riporto integralmente senza modificare o aggiungere nulla, poiché appare dettata dal cuore:

 

Caro Romano,

Era il 15 Dicembre 1995, un giorno che non dimenticherò mai, quando, grazie alla proposta di un grande Rotariano, il nostro Club si impreziosì della Tua amicizia. 
Bastò pochissimo tempo perché tu diventassi Amico di tutti noi. Sempre disponibile all'impegno nel Club ed ai rapporti amichevoli con tutti i soci. Un grande socio.

Sei stato un ottimo Tesoriere con il Presidente Antonio Piludu nell' a.r. 2004-05.
Un grande prefetto con Raffaele Lorrai nel 2003-04 e con Cenzo D'atri nel 2006-07.
Ricordo che quando si ipotizzava una tua candidatura a Presidente mi rispondevi: scegliete Luisella
Impossibile immaginarti senza Luisella al fianco.
Quanti service, quante gite, conviviali e tu, magari puntiglioso, ma sempre allegro e con la battuta pronta.
Ricordo quante volte hai cercato di insegnarmi a fare il nodo della cravatta: è stata la prima grande sconfitta della tua vita.
Quando mi raccontavi le storie della tua vita, della tua nascita nel 38 a Trento, del tuo arrivo a Quartu ancora bambino con la tua eccezionale e numerosa famiglia, della vecchia Quartu di allora, della assoluta importanza che ha avuto per te la famiglia dei tuoi genitori e dei numerosi fratelli e della meravigliosa famiglia che hai creato con Luisella, di come ha lavorato duro per arrivare ad essere un imprenditore di successo, io ti ho sempre ascoltato con emozione ed ammirazione.
Abbiamo interrotto le chiaccherate nel 2009, quando avevi ancora molto da raccontarci e da fare nel Club.
La vita ti ha premiato con una bella e sana famiglia, ma ti ha riservato un finale che non meritavi.
Ultimamente non riuscivi a spiegarcelo bene ma sono certo che hai accettato tutto questo con la serenità che ti proveniva dalla grande Fede che hai sempre avuto e che hai sempre mostrato con orgoglio.
Non so se lassù hai una mail, vorrei mandarti tutti i nostri ricordi felici insieme, fammi sapere.

Ti vogliamo tutti bene 

 

 

 

La scomparsa del socio onorario Giovanni Lilliu.

 

Il 19 febbraio, all’età di 97 anni, ci ha lasciato Giovanni Lilliu. Il club ricorda con affetto come socio onorario, al quale conferì il Premio mores.

La sua attività in favore della cultura in genere e sarda in particolare iniziò presso la Soprintendenza alle Antichità della Sardegna; Professore ordinario di Antichità Sarde dal 1955.

Dal 1990 è stato chiamato, unico sardo, a far parte dell'Accademia dei Lincei. Ha avuto una esperienza politica in qualità di consigliere regionale

Tra le sue numerose pubblicazioni si segnalano "La civiltà dei Sardi dal neolitico all'età dei nuraghi" (Torino, 1963), "Sculture della Sardegna nuragica" (Cagliari, 1966), "La civiltà nuragica" (Sassari, 1982), "Cultura e culture" (Sassari, 1995), "Arte e religione della Sardegna prenuragica" (Sassari, 1999).

 

 

Nel volume "Sentidu de libertade" (2004) ha raccolto i suoi articoli e saggi "in limba".

Qui accanto la bella copertina di Sardegna nuragica del 2006.

I suoi studi hanno fatto emergere (anche in senso materiale, con gli scavi) l’importanza della città nuragica di Barumini (“su nuraxi”) e fatto conoscere al mondo l’importanza della preistoria e protostoria sarda.

Per i suoi alti meriti il Club Rotary di Quartu Sant’Elena gli ha conferito nel 1999 il premio “mores”.